Errori nella pubblicità, il caso Burberry e Dolce & Gabbana